Tubo Fluorescente e Tubo a LED

I tubi fluorescenti sono tubi in vetro riempiti di Argon (un gas nobile) e qualche goccia di mercurio, ed elettricamente alimentati alle estremita' attraverso due poli.

 

All'interno del tubo, i due poli elettrici sono singolarmente cortocircuitati in una spirale di tungsteno maggiorata (rispetto alle incandescenti), e rivestite di un materiale che riesce a liberare un grande quantitativo di elettroni.




 
FUNZIONAMENTO DEL TUBO FLUORESCENTE

L'energia elettrica, ad alta tensione (460V circa), riscalda il gas Argon che, insieme al mercurio (miscea di Penning), garantisce l'eccitazione del mercurio, il quale passa dallo stato liquido a quello gassoso emettendo una luce ultravioletta, invisibile.
Il tubo di vetro è internamente rivestito da polvere fluorescente sensibile alla luce ultravioletta, per tando la polvere ultravioletta emettera' fotoni visibili ai nostri occhi, quindi luce.

L'energia elettrica necessaria ad innescare l'eccitazione della miscela è di circa 460V perché si ottiene tenendo conto della miscela al suo interno, quindi di quanta energia elettrica sia necessaria per eccitare il gas, e della lunghezza del tubo.




ACCENSIONE DEL TUBO FLUORESCENTE

L'accensione del tubo fluorescente necessita di:

N1 Rattore
N1Starter

Il reattore (o ballast) ha il compito di limitare la tensione di funzionamento della lampada;

Lo starter ha il compito di fornire una extratensione per l'eccitazione del gas, nella giusta quantita'.
Non esiste uno starter universale: va scelto lo starter adatto alla potenza del tubo o se ci sono piu' tubi, di solito la loro potenza va da 4-65W.


Durante l'accensione si potrà notare l'effetto flicker, ovvero lo sfarfallio luminoso del tubo florescente, nella fase di eccitazione del gas al suo interno.
Lo sfarfallio è stato eliminato con la realizzazione di Ballast elettronici che consentono l'accensione istantanea della lampada, ne consegue che lo Starter risultera' inutile, dovendone solamente cortocircuitare i fili.

REATTORE ELETTRONICO

REATTORE MAGNETICO


SCHEMI DI COLLEGAMENTO ELETTRICO TUBO FLUORESCENTE

Nella figura A abbiamo un corpo illuminante con un tubo, mentre nella figura B abbiamo un corpo illuminante con due tubi azionati da un reattore e due starter.
Ci sono ovviamente anche corpi illuminanti con un reattore per tubo e quindi uno starter per tubo.


TRUCCO
Se in un corpo illuminante sono presenti due tubi con uno starter per ciascuno e uno starter va meno, quindi uno tubo non si accende, per quest'ultimo farlo funzionare è necessario mettere in serie i due tubi come se fossero uno solo e usare lo starter funzionante rimanente. Vedi figura C 


FIGURA A

FIGURA B
FIGURA B

 IL TUBO A LED 


Il tubi a LED prodotti sono delle stesse dimensioni dei tubi fluorescenti.
La sostituzione del tubo fluorescente con uno a LED rende inutile la presenza del Reattore e dello Starter, quindi in fase di sostituzione è sufficiente rimuoverli e collegare direttamente la fase e il neutro ai poli laterali di connessione del tubo a LED.

 

Nessun commento:

Posta un commento